Condividi con:

jamón-ibérico

Dopo l’articolo della settimana scorsa cerchiamo di dare ancora qualche consiglio per la miglior conservazione e degustazione del prosciutto iberico di estate, per così poter dimostrare che all’epoca di più caldo si può ancora mangiare questo delizioso prodotto suino.

Dobbiamo ricordare che non è precisso mettere il prosciutto in frigorifero, ma basta conservarlo in luogo fresco e buio.

La temperatura giusta per poter apprezzare tutte le sue caratteristiche, l’odore e il profumo di questa carne iberica di prima qualità, si trova fra i 22 e i 25ºC. È soprattutto importante averne questa temperatura ambiente al momento di tagliare e mangiare il prosciutto.

Il taglio si deve fare per la zona più stretta della gamba, dato che questa parte ne ha una quantitá inferiore di carne e diventa dura più presto.

Come abbiamo già detto in articoli precedenti si deve togliere il grasso al di sopra della gamba con un coltello diverso a quello specifico per talgiare la carne del prosciutto, poi il magro, fino ad arrivare al colore rosso.

Le fette devono essere fini e piccole, giuste per metterle in bocca soltanto con un movimento e masticarle mentre si sciolgono tutti i sapori sulla lingua, sempre con un po’ di grasso dato che l’aroma principale di acidi grassi si trovano lì.

Una volta finito il taglio, si copre il prosciutto coi pezzi di grasso propri e pure con un panno umido per proteggere la zona e che il prosciutto rimanga il più fresco ed asciutto possibile.

Consigli per degustare e conservare il prosciutto iberico di estate (II)
Condividi con:
Contattaci con whatsapp